11 febbraio 2013

La crisi occupazionale dal 2008 ad oggi

Talvolta c’è una responsabilità finanche mediatica, che è quella di riformulare un’agenda setting non tenendo presente dei problemi reali. E nella settimana sanremese, che di fatto però accompagnerà la campagna elettorale, riecheggiano quasi esclusivamente polemiche e battute da stigmatizzare (considerando poi che il 72,4% degli elettori si informa guardando la tv), perché inappropriate a dir poco. 
Succede dunque che alcuni dati, diffusi nel fine settimana, restino “inascoltati”. Circostanza per cui vale la pena andarseli a rileggere. Secondo uno studio di Confartigianato, infatti, tra il 2008 e il 2012, si sono persi a causa della crisi economica 818 mila posti di lavoro. In media giornaliera, ciò significa 480 posti in meno ogni 24 ore (ad aprile 2008 gli occupati erano 23 milioni e 541mila, a dicembre 2012 gli occupati erano 22 milioni e 723 milioni). 
Entrando nel dettaglio, si scopre che le maggiori ripercussioni di tale situazione riguardano i giovani, in particolare gli under 35, per i quali si rileva una diminuzione del 20%. Detta in altro modo: un milione e mezzo di posti di lavoro in meno. Al contrario, sono aumentati di 600 mila posti gli occupati over 55. Tenendo sempre a mente, però, un fattore dirimente: l’obiettivo fissato dall’Unione europea prevede nel 2020 una quota di popolazione occupata tra 20 e 64 anni pari al 75,0 per cento. Nel 2011 il valore dell’indicatore in Italia (61,2 per cento) è di quasi 14 punti percentuali inferiore a questo traguardo e presenta uno squilibrio di genere molto forte (72,6 per cento per gli uomini e appena il 49,9 per cento per le donne). Dati che spiegano, una volta di più, le preoccupazioni degli italiani registrate recentemente dall’Eurispes: il 64,1% teme di non avere la possibilità di fare progetti per il futuro, il 53,3% dichiara di non essere più in grado con il proprio lavoro di sostenere in modo adeguato la famiglia e il 61,3% dichiara di non riuscire a sostenere spese importanti come l’acquisto di una casa o di un’automobile.

(anche su T-Mag)