12 aprile 2013

E non si dica che

Giusto per ricordare com'è che stanno le cose e per non sentirsi dire in futuro le solite fesserie. 

La Corte ha escluso l'illegittimità costituzionale delle norme che limitano l'applicazione dell'istituto matrimoniale alle unioni tra uomo e donna, ma nel contempo ha affermato che due persone dello stesso sesso hanno comunque il diritto fondamentale di ottenere riconoscimento giuridico con i connessi diritti e doveri, della loro stabile unione. La Consulta ha perciò affidato al Parlamento la regolamentazione della materia nei modi e nei limiti più opportuni. 

E sulla legge elettorale: 

Gia con le sentenze n.15 e n.16 del 2008 e più di recente con la n.13 dello scorso anno - sottolinea Gallo - la Corte ha invano sollecitato il legislatore a riconsiderare gli aspetti problematici della legge n.270 del 2005 con particolare riguardo all'attribuzione di un premio di maggioranza senza che sia raggiunta una soglia minima di voti e/o di seggi.

Trovate tutto qui.