17 luglio 2013

Kazakistan, Bolivia e...

Il problema, anche qui, non sono le persone, Alfano o Bonino. Pansa o Procaccini. Semmai è un problema endemico, che esula da chi amministra un dicastero o ricopre importanti ruoli di coordinamento. Altrimenti non si spiegherebbero le tante figure di che di volta in volta facciamo. Posto che non siamo gli unici a fare figure di al cospetto della comunità internazionale, a noi capita spesso e forse è giunto il momento di cominciare a chiederci perché. 
Una prima spiegazione, per banale che sia, è che culturalmente siamo sciatti. Lasciamo sempre che qualcuno, al di sopra di noi, curi la regia. Ci limitiamo a svolgere il compitino e pur di soddisfare il richiedente di turno non ci premuriamo di verificare accuratamente quanto preteso da fuori. Potremmo farlo, ne avremmo pieno diritto. Non si sa mai, però. Dunque non lo facciamo. 
Ora dobbiamo almeno un paio di chiarimenti che siano più convincenti del grande classico non ne sapevo nulla andato in scena negli ultimi giorni su Kazakistan e Bolivia. A mio avviso ce ne sarebbe anche un terzo, che riguarda il Venezuela. Ci torneremo a tempo debito.